Archivio

Archivio Novembre 2010

Noci e cornacchie

2 Novembre 2010 5 commenti

Non so se viè mai capitato di trovare su un terrazzo dei gusci di noce, o dei noccioli di pesca.
E’ una cosa che a casa mia succede abbastanza spesso (o comunque, visto che i gusci non si decompongono, si possono trovare lì a distanza di mesi da quando ci arrivano)

Il mio dubbio era, appunto, come diavolo ci arrivassero.
Questo pomeriggio mentre ero lì a pisolare al sole ho sentito un toc! parecchio forte, e poi un frullio, il tutto sufficiente a trarmi fuori dalla pennichella.
Lì di fronte a me c’era una noce e dietro quella una cornacchia di quelle grosse, che appena mi ha visto sveglio è volata via.

Adesso sappiamo cosa sono certi rumori misteriosissimi che sentiamo dal tetto: le cornacchie lasciano cadere sul tetto le cose che pensano siano commestibili e vogliono aprire.
Resta il dubbio che le lancino appositamente sui tetti (è possibile, sono molto più tranquilli della strada), e che lo facciano di preferenza sul nostro (ma questo non potremo mai saperlo).
Peccato che mi sia tirato su di scatto. Se avessi solo aperto gli occhi forse avrei potuto assistere a come la cornacchia avrebbe finito di aprire la noce. Io comunque, prima di andar via ho finito di aprirla e l’ho lasciata lì.
A meno che, naturalmente, il lancio di oggetti non fosse invece un modo per controllare se io fossi vivo o morto, e nel secondo caso assicurarsi un pasto parecchio più abbondante che un misero gheriglio.
Per quanto mi siano simpatiche le cornacchie, non è quello il modo in cui intendo dar loro qualcosa da mangiare.